La scienza e il mistero dietro Blythe

Perché siamo attratti dalle bambole?

Una celebrazione del bizzarro, del bello e del misterioso è qualcosa di centrale nel fandom di Blythe Doll. Per molte persone, compresi i bambini, Blythe ha una qualità inquietante. La parola inquietante (o 'inquietante') come misteriosa, per la quale ha lo stesso significato, è in origine un termine scozzese per essere pieno di paura e superstizione. La Scozia, con le sue radici culturali derivanti dai tempi antichi e il suo isolamento geografico, la rende un luogo superstizioso allo stesso modo in cui il Giappone ha sviluppato il suo folklore distinto dalle nebbie dell'antichità.

Sigmund Freud, il padre della psicologia, seguendo una tradizione letteraria tedesca di "misteriosa" che risale all'eredità delle fiabe, fece una famosa incursione in questo strano mondo in un saggio del 1919 intitolato "The Uncanny" (Das Unheimliche). In questo saggio, esplora la strana sensazione che creano le bambole. Spiega l'ironia che qualcosa di così inquietante può provenire da qualcosa di così familiare: una nostra rappresentazione. Quando incontriamo questo senso di disagio è perché siamo in uno stato di confusione per quanto riguarda l'autenticità di ciò che stiamo vedendo: una bambola vivente quasi.

Se qualcosa che non è reale, può sembrare così realistico, cos'altro non è reale? La nostra sensazione di giusto contro sbagliato? La nostra sensazione di piacere contro il disgusto? Questa incertezza inevitabile serve quindi a formare in noi ansia radicata ed esistenziale.

Blythe Dolls, la prima volta rilasciato dalla società di giocattoli Kenner negli anni '1970, erano inizialmente destinati ai bambini, il che è un marketing perfettamente ragionevole poiché quasi tutte le bambole e le marionette vengono vendute in questo modo. Tuttavia, si è rivelato un grave errore che ha seppellito il marchio per oltre venti anni prima che fosse realizzata la nicchia corretta di Blythe. Questa nicchia corretta è ovviamente collezionisti per adulti in tutto il mondo sovrapposti con i campi moda, fotografia, arte e cinema. La ragione per cui Kenner ha sbagliato così tanto il proprio marketing all'epoca era che non erano consapevoli della natura inquietante di Blythe. I suoi occhi e le caratteristiche danno un'atmosfera ultraterrena che gli adulti amano ma i bambini spesso non riescono ad accettare o apprezzare.

La scienza e il mistero dietro Blythe 1
Un burattino bunraku, stranamente realistico e popolare intrattenimento in Giappone

Nel mondo della scienza e della tecnologia, l'intelligenza artificiale è un'area fiorente che senza dubbio e rapidamente finirà per dominare ogni aspetto del nostro modo di vivere. Questa e la scienza della robotica, in particolare avviata dagli ingegneri giapponesi, ci ha fornito un'analisi più moderna dell '"inquietante" e ha dato origine al concetto di "valle misteriosa", un termine coniato dal robotico Mori Masahiro in il suo saggio "Bukimi no Tani Gensho" ("Il fenomeno della valle del mistero"). In questo seguito all'originale di Freud, esplora la nostra reazione a oggetti simili all'uomo come bambole, pupazzi, tra cui bambole Bunraku e manichini.

La scienza e il mistero dietro Blythe 2
Uncanny Valley Research

Come una bambola di moda con occhi enormi e uno sguardo inconfondibile inquietante, Blythe occupa un posto in questa valle e un posto in i nostri cuori.

Come figurine trovate in tutto il mondo antico e forse in modo più affascinante nell'antica Giappone di Jomon, nel mondo futuristico dei robot domestici che camminano, parlano, guardano e pensano come noi, simile ai droidi bioingegnerizzati nel film "Blade Runner", le bambole sono e saranno sempre piene di mistero e stranezza. Si siedono tra il mondo umano e l'altro mondo, tra realtà e finzione, e tra il visibile e il segreto.

Ordina subito il tuo Blythe!

lascia un commento

Iscriviti alla nostra lista per vincere un Blythe!

* obbligatorio

Carrello

×